Lunigiana cosa vedere: tre borghi in due giorni

Lunigiana cosa vedre: Stele Pontremoli
Lunigiana cosa vedere: tre borghi in due giorni

Questa terra e’ suddivisa tra liguria e toscana o meglio unisce le tradizioni e i sapori di queste due regioni. Qui si possono visitare alcuni dei più bei borghi d’Italia. Senti che un weekend non sara’ sufficiente per esplorarla tutta? Proveremo ad averne un assaggio con tre paesi vicinissimi tra loro visitabili in due giorni. Scopriremo cosa vedere in Lunigiana con l’aiuto di un programma a tappe . Ovviamente lo seguiremo con elasticità e senza fretta, d’altronde siamo in vacanza no?

Lunigiana, cosa vedere il primo giorno

Arriveremo in Lunigiana in auto, mezzo indispensabile per il nostro tour. Dopo aver costeggiato il fiume Magra e superata Aulla, saremo a Borgo di Filetto, nostra prima tappa . Saremo li’ intorno alle 10 del mattino di Sabato. Ti sembra un po’ tardi? Relax e’ la parola d’ordine. E poi c’e’ chi deve guidare diverse ore per arrivare . Ok, sei mattiniero, allora nell’attesa fermati a fare colazione con dei cian. Queste crespelle di farina di castagne ripiene di ricotta valgono un paio d’ore di sonno. Ora sono le 10, ci siamo tutti.

A Borgo di Filetto, frazione di Villafranca in Lunigiana, andremo a visitare il centro storico. Per accedervi dovremo lasciare l’auto all’esterno delle mura che lo caratterizzano. Potremo cosi’ entrare attraverso una delle due uniche porte monumentali a disposizione. Vedremo le quattro torri cilindriche e raggiungeremo infine la Piazza di Sopra. Ammireremo nel Palazzo dei Marchesi Ariberti e nel Convento dei Frati Ospitalieri l’arte del 1600 e 1700.

Sara’ a questo punto giunta l’ora di pranzo. Andremo a “I sapori del Borgo” dove ci lasceremo deliziare da una torta di verdure o una focaccetta farcita.

Ritornati alla nostra auto, ci metteremo in viaggio verso Pontremoli una delle tappe della via Francigena. Ci vorranno soli 20 minuti. Parcheggeremo in via del seminario. Cammineremo sul Ponte della Cresa risalente al 1300 per poi arrivare in due minuti alla Concattredale di S. Maria Assunta. Il Duomo rappresenta un bellissimo esempio di arte Barocca grazie alle sue decorazioni auree e monumentalità.

A pochi passi incontreremo Piazza della Repubblica sulla quale svetta la Torre del Cacciaguerra costruita a inizio 1300. Sara’ giunta sera, quindi un aperitivo potrebbe essere una buona scelta. Ci siederemo ad un tavolino in piazza per consumare uno Spritz magari al “Caffe’ Letterario” dove e’ abbastanza economico.

Ora possiamo tornare alla nostra macchina per raggiungere un hotel o un B&B dove trascorrere la notte. Se non vogliamo spostarci troppo, esistono molte attività ricettive in centro a Pontremoli per pernottare e cenare a prezzi modici.

Secondo giorno

Sveglia, sono le 8! Sto scherzando, potete girarvi dall’altra parte del letto per almeno un’altra ora. Probabilmente avrete fatto tardi la scorsa notte chiacchierando in una taverna davanti a una bottiglia di Vermentino. Non vi preoccupate, per il secondo e anche ultimo giorno il piano e’ molto sciolto.

Saranno le 9 e mezza? Va bene, faremo colazione e saliti nuovamente in auto ci recheremo ad Aulla. Venti minuti che passeranno velocemente guardando dal finestrino il Magra e le colline verdeggianti che lo accompagnano.

Andremo direttamente alla Fortezza Brunella di epoca probabilmente rinascimentale. Al suo interno potremo visitare il Museo di Storia Naturale e la polveriera acquistando un biglietto dal prezzo contenutissimo. Riprenderemo l’auto per andare a pranzare con qualcosa di tipico alla “Locanda Magno”. Qui apprezzeremo Panigacci e tagliata.

Nel pomeriggio faremo la nostra ultima tappa al Castello di Fosdinovo, prima di rimetterci in viaggio verso casa. Ci vorranno trenta minuti da Aulla, ma ne varrà’ la pena. Questa fortezza, appartenente ai Malaspina signori di Massa e Carrara, e’ la più imponente della Lunigiana. Famosa per le sue botole e trabocchetti e’ una tappa obbligata per i curiosi di storie e aneddoti meno conosciuti.

Ci sara’ venuta fame e un panificio in zona potrebbe aiutarci. E poi acquistare qualche prodotto della zona e’ d’obbligo. Oltre alle foto e video, un ricordo enogastronomico da condividere con gli amici non guasta.

Mi auguro vi sia piaciuta questa gita fuori porta. Chissà se qualcuno di voi non ha puntato qualche casa o immobile, fantasticando di andarci a vivere un giorno. I luoghi da visitare sono infiniti in Lunigiana, forse e’ il caso di trasferirsi li’ per vederli tutti?

Un consiglio su una localita’ in cui andare a vivere e case interessanti da acquistare

di Massi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: